Home / Sport / La ‘Scugnizzeria’, il volley completamente gratuito

La ‘Scugnizzeria’, il volley completamente gratuito

La Romeo Normanna Aversa Academy pone in essere un progetto di inclusione e integrazione sociale in collaborazione con le scuole e sceglie Luigi Leonardi quale testimonial

A cura dell’Ufficio stampa Romeo Normanna

Nata poco più di un anno fa, la Romeo Normanna Aversa Academy ha sempre seguito l’obiettivo di creare le condizioni per un progetto di inclusione e integrazione sociale attraverso cui, grazie alla pallavolo e alla collaborazione con le istituzioni scolastiche, le giovani generazioni abbiano non solo la possibilità di dimostrare il loro talento, ma crescere con i valori dell’educazione, del rispetto per gli avversari e delle regole. Massima espressione di questo obiettivo è proprio la ‘Scugnizzeria’, il settore giovanile totalmente gratuito per i piccoli atleti di Aversa ed Agro Aversano. Dopo il brillante avvio dello scorso anno, anche in questa stagione si è alzato il sipario sull’ambizioso progetto della Romeo Normanna Aversa Academy.

Nelle palestre del III Circolo Didattico, brillantemente reto dalla Dirigente Anna Lisa Marinelli, del plesso ‘Wojtyla’ e di via Canduglia, la leva giovanile ‘Scugnizzeria’ è partita, con la partecipazione di numerosi piccoli atleti. Uno strumento dove la crescita dei giovani avviene non solo attraverso l’impegno sportivo. A chi vi partecipa, infatti, è richiesto di aver buone performance come studente, così da unire l’impegno nello sport a quello nello studio. Oltre al III Circolo Didattico, il progetto della Romeo Normanna Aversa Academy è presente in altre istituzioni scolastiche della città. Gli alunni del IV Circolo Didattico ‘Cimarosa’ di via Giotto hanno accolto con entusiasmo il progetto, che è stato presentato da tre atleti della prima squadra: Manuele Mandolini, Giuseppe D’Auge e Manuel Conte. Anche in questa scuola sono iniziati i corsi, grazie alla disponibilità del Dirigente Scolastico Mario Autore. Nelle prossime settimane verrà attivata la ‘Scugnizzeria’ anche all’Istituto Comprensivo ‘Parente’, plesso Diaz. Un progetto che ha come scopo principale il rilancio sociale e morale del nostro territorio.

È naturale, quindi, che la Romeo Normanna Aversa Academy abbia voluto legare un’iniziativa così ambiziosa alla figura di Luigi Leonardi. Ha perso le sue due fabbriche di impianti di illuminazione e i negozi situati ad Aversa, Cardito, Nola, Giugliano di Napoli e Melito. Nel 2004 ha deciso di ribellarsi alla camorra e le sue denunce hanno portato a due maxi processi e all’arresto di numerosi uomini affiliati ai clan. Ha subito percosse, minacce, è stato sequestrato dopo il rifiuto di cedere alla richieste di pizzo della criminalità organizzata. Luigi Leonardi, quarantatré anni, testimone di giustizia, vive sotto scorta, ma non rinuncia a incoraggiare la cultura della legalità e del contrasto alla camorra. La Romeo Normanna Aversa Academy ha espresso la sua massima soddisfazione per la decisione di Luigi Leonardi di accettare la proposta e diventare testimonial del progetto ‘Scugnizzeria’. Sport, fair-play e legalità saranno le parole d’ordine di questa unione d’intenti fra la società gialloblu e l’imprenditore napoletano.

Attraverso incontri periodici negli istituti superiori e con le terze classi degli istituti secondari di Aversa e dell’Agro aversano, Leonardi porterà la sua testimonianza, per far comprendere ai ragazzi cos’è la camorra e invitarli a praticare un’attività sportiva. Lo sport come veicolo di legalità, metodo educativo, esempio di regole da rispettare, strumento per evitare devianze e modello di socializzazione. «Ho accettato la proposta della Romeo Normanna – afferma Leonardi – perché il progetto ‘Scugnizzeria’ è finalizzato alla prevenzione di comportamenti a rischio da parte di ragazzi che potrebbero scegliere strade diverse da quella della legalità. L’idea di utilizzare lo sport per evitare che i giovani possano prendere altre strade è attraente per gli stessi giovani.

Lo sport ha un appeal diverso e modificare la mentalità di un ragazzo a rischio, attraverso la pratica di un’attività sportiva, non è solo una testimonianza sterile». Il primo appuntamento con Luigi Leonardi e l’evento ‘Sport, fair-play e legalità’ è stato organizzato dalla Romeo Normanna Aversa Academy  presso l’Istituto Comprensivo ‘G. Parente’ di Aversa. All’evento hanno partecipato Lorenzo Bonetti, uno degli atleti gialloblu più rappresentativi, che grazie alla pallavolo è riuscito a superare un momento difficile della sua vita, e il giornalista Nicola Baldieri. La manifestazione è stata possibile grazie anche alla disponibilità e alla collaborazione del Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo ‘G. Parente’ professoressa Angela Comparone, affiancata dai docenti Carmen D’Angelo ed Enzo Maiorca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *