Home / Editoriale / L’editoriale del Direttore Vincenzo Sagliocco

L’editoriale del Direttore Vincenzo Sagliocco

Arrestati gli autori del “colpo” del secolo

Un’eccellente attività di intelligence ha portato alla cattura dei ladri ed ha restituito fiducia e sicurezza ai cittadini. Aversa ora si sente più sicura. Non mancano, in verità, episodi di microcriminalità, né la città è esente dalle ingerenze della camorra e dalle incursioni di delinquenti “spiccioli” ma l’idea che qualcuno potesse bloccare la città, prelevare indisturbato 94 cassette di sicurezza da un istituto bancario blindato, addirittura con l’uso di una gru e l’impiego di diversi automezzi anche di grosse dimensioni, e andarsene in tutta tranquillità aveva lasciato sgomenti i cittadini aversani. “È stato un episodio che ha provocato un grave allarme sociale” le parole pronunciate, nella conferenza stampa di annuncio dell’arresto dei colpevoli, dal Procuratore capo della Procura di Napoli Nord, Francesco Greco. A testimonianza del devastante impatto sulla percezione della sicurezza in città che avevano avuto le modalità rocambolesche con le quali si era svolta la scena del crimine alle prime luci dell’alba del 22 novembre ultimo scorso, quando la banda entrò in azione. Un duro colpo psicologico sofferto nello scoprire, come dicemmo nell’editoriale dell’epoca, che “Il Re è nudo!”, scoprire cioè che si era completamente vulnerabili e che il sistema di controllo del territorio non aveva funzionato. Ma come dicemmo allora, e i fatti ci hanno dato ragione, bisogna avere fiducia nelle Forze dell’ordine che quotidianamente lavorano, e anche duramente, per la nostra sicurezza e per garantire la nostra tranquillità anche se operano in condizioni precarie sia dal punto di vista strutturale, logistico ed organizzativo, sia dal punto di vista dell’organico, sempre carente e sottodimensionato. L’arresto dei “ladri di cassette” ha restituito sicurezza ai cittadini ed ha rinsaldato il legame con le forze dell’ordine rigenerando la fiducia nelle Istituzioni, in primis nella Procura, nei Carabinieri e nella Polizia di Stato che sinergicamente hanno raggiunto l’obiettivo. A loro va il nostro plauso che si unisce a quello di tutti i cittadini onesti. Resta ferma, però, la necessità di rinforzi per le forze dell’ordine, che, in una zona difficile com’è la nostra, hanno bisogno di maggiore supporto e di un numero maggiore di uomini, anche, eventualmente, dell’Esercito. Il raccordo interforze, da noi auspicato, c’è stato e i risultati non sono mancati, nuove forze e nuove energie, ora sono necessarie per assicurare un serio ed efficiente contrasto alla criminalità.

Chiuso questo argomento, vorrei segnalare ai lettori la ripresa della rubrica “Uomini, fatti e ritratti, a cura di Alessandro Carotenuto, tanto apprezzata, che ritorna dopo una lunga sosta a grande richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *